Domande frequenti sulla nuova soluzione di pagamenti PayPal

Discogs sta semplificando i pagamenti con una nuova soluzione basata di PayPal. Per maggiori informazioni sul funzionamento e sui vantaggi di questa soluzione di pagamento, puoi consultare il nostro blog

La sezione delle domande frequenti sarà aggiornata periodicamente con nuove domande.

 

Attivazione

Come si attiva la nuova soluzione di pagamento basata su PayPal?

Se ho già accettato PayPal su Discogs, c’è qualcos’altro che devo fare?

Come posso impostare la mia valuta per le vendite su Discogs?

 

Opzioni di pagamento

Quali metodi di pagamento sono disponibili con la nuova soluzione basata su PayPal?

Cosa succede se un acquirente non ha un conto PayPal?

 

Fatture e stato degli ordini

Con la nuova soluzione di pagamento basata su PayPal, cambieranno anche le fatture delle commissioni di Discogs?

Come posso tenere traccia dei miei ordini su Discogs se non posso fare riferimento alle fatture?

Come cambiano gli stati degli ordini quando si passa alla soluzione di pagamento basata su PayPal? 

Cosa deve fare un venditore se un ordine presenta lo stato “Fattura inviata”?

Posso unire degli ordini dopo che sono stati pagati? 

 

Commissioni

La nuova soluzione di pagamento basata su PayPal che effetto ha sulle commissioni di Discogs?

Cos’è la “commissione partner” che mi trovo addebitata sulla ricevuta di PayPal?

 

Rimborsi

Come si emette un rimborso? 

Cosa succede quando si emette un rimborso?

Perché l’importo del mio rimborso è diverso dal valore originario della transazione?

Quando emetto un rimborso, devo calcolare anche le imposte riscosse nella transazione originaria e le devo versare a parte rispetto all’importo lordo dovuto all’acquirente? 

 

Impostazioni venditore

Sono un venditore: cosa succede alla mia pagina di fatturazione? 

Che tipo di protezione viene offerta da PayPal ai venditori? 

Con questo cambiamento si risolverà la discrepanza tra gli indirizzi di PayPal e Discogs riscontrata in passato da alcuni acquirenti e da alcuni venditori? 

 

Attivazione

Come si attiva la nuova soluzione di pagamento basata su PayPal? 

Clicca su Collega PayPal in Impostazioni venditore. A quel punto ti reindirizzeremo al login del tuo conto PayPal

 

Dopo il login e il collegamento del conto, devi autorizzare Discogs a trattenere commissioni e imposte al momento del pagamento degli ordini. 

Durante il collegamento vedrai il seguente accordo:

Autorizzo Discogs a: 

  • Utilizzare PayPal per gestire i pagamenti dei miei clienti. 
  • Avviare i passaggi necessari per autorizzare e acquisire i pagamenti dei miei clienti. 
  • Cercare i dati delle corrispondenti transizioni e accedervi. 
  • Avviare il rimborso di specifiche transazioni. 
  • Accedere alle informazioni relative alla mia email e alla mia posizione geografica per collegare il mio conto PayPal e integrarlo. 

Clicca su “Accetta e collega”.

 

Se ho già accettato PayPal su Discogs, c’è qualcos’altro che devo fare?

Sì, anche se hai già memorizzato il tuo conto PayPal su Discogs alla voce Impostazioni venditore, ti sarà chiesto di attivare la nuova soluzione di pagamento per abilitare i pagamenti istantanei e per trattenervi commissioni e imposte. 

Per eseguire l’attivazione in pochi minuti, ti basta cliccare sul pulsante Collega PayPal, ora disponibile su Discogs alla voce Impostazioni venditore. Non c’è bisogno di apportare nessuna modifica al conto PayPal.

 

Come posso impostare la mia valuta per le vendite su Discogs?

Se la valuta che usi sul conto PayPal e su Discogs è la stessa, non hai nulla da “impostare” durante l’attivazione. Se invece la valuta di Discogs non corrisponde a quella di PayPal, comparirà una finestra in cui ti si chiede quale valuta usare su Discogs.

Se vuoi effettuare le transazioni nella valuta che utilizzavi già prima, puoi continuare a farlo senza problemi.

Se desideri cambiare la valuta dei tuoi articoli su Discogs, puoi farlo nelle tue Impostazioni del venditore.

 

Opzioni di pagamento

Quali metodi di pagamento sono disponibili con la nuova soluzione basata su PayPal?

Gli acquirenti potranno usare PayPal, la carta di credito e la carta di debito; in alcuni Paesi saranno disponibili anche opzioni di pagamento locali. Per gli acquirenti sarà possibile pagare sia con un conto PayPal, sia senza.

Per gli acquirenti di alcuni Paesi saranno disponibili anche opzioni di trasferimento bancario locale, gestite da PayPal. I Paesi sono:

Servizio Paese
Mercado Pago

Brasile

Messico

Sofort

Germania 

Paesi Bassi

Italia 

Austria 

Belgio 

Spagna 

Inghilterra

Scozia

Galles

iDeal

Paesi Bassi

 

Le commissioni di questi metodi di pagamento alternativi sono consultabili qui.

Dopo l’attivazione della nuova soluzione di pagamento basata su PayPal, nel tuo negozio di Discogs non saranno più disponibili metodi di pagamento aggiuntivi non supportati da PayPal, quali bonifico, contante, assegno, Skrill ecc. 

Ricevere una notifica di pagamento completato da Discogs è solo il primo passo. Controllare sempre la comunicazione ricevuta dal fornitore del pagamento. Ad esempio, gli assegni elettronici possono impiegare fino a 6 giorni lavorativi per essere cancellati e per far apparire il denaro sul conto PayPal del destinatario o per essere annullati a causa dei fondi insufficienti dell'acquirente. I venditori dovrebbero attendere la conferma che l'assegno elettronico è stato "Completato" o "Annullato" prima di spedire l'ordine. Se lo stato del pagamento indica "Annullato", si prega di contattare il nostro servizio di assistenza per far ripristinare lo stato dell'ordine prima che l'acquirente possa inviare un nuovo pagamento.

 

Cosa succede se un acquirente non ha un conto PayPal?

Gli acquirenti potranno continuare a pagare su Discogs, con o senza PayPal. Tra i metodi di pagamento aggiuntivi utilizzabili senza avere un conto PayPal ci sono la carta di credito o di debito e, in alcuni Paesi, anche metodi di pagamento locali come Mercado Pago (Brasile, Messico), iDeal (Paesi Bassi) o Sofort (Germania, Belgio, Austria, Paesi Bassi, Italia, Spagna, Inghilterra, Scozia e Galles).

 

Fatture e stato dell’ordine

Con la nuova soluzione di pagamento basata su PayPal, cambieranno anche le fatture delle commissioni di Discogs?

Dopo l’attivazione della nuova soluzione di pagamento basata su PayPal, i venditori non riceveranno più le fatture mensili delle commissioni. 

Quando un ordine viene pagato, le commissioni di Discogs e le imposte riscosse da Discogs (su PayPal indicate collettivamente come “commissione partner”) saranno automaticamente trattenute e indirizzate al soggetto adeguato, secondo questo schema:

  • Le commissioni di Discogs saranno indirizzate a Discogs.
  • Imposte indirette come l’IVA dell’Unione europea e quella britannica (VAT), la GST australiana e quella neozelandese o l’imposta giapponese sui consumi (JCT) saranno indirizzate a Discogs.
  • Imposte sugli ordini come la MPF statunitense (Marketplace Facilitator, un’imposta sulle vendite), l’IVA dell’Unione europea e quella britannica (VAT), la GST australiana e quella neozelandese saranno indirizzate a Discogs.
  • Imposte sugli ordini come l’imposta statunitense sulle vendite effettuate da residenti e non residenti saranno indirizzate al venditore. 
  • Le commissioni di PayPal vengono trattenute dall’importo lordo e indirizzate a PayPal (come accede già ora). 

Quando un venditore rimborsa un acquirente, le commissioni di vendita e le imposte vengono quasi subito ricalcolate e restituite. Per maggiori informazioni continua a leggere qua sotto.

 

Come posso tenere traccia dei miei ordini su Discogs se non posso fare riferimento alle fatture?

Di recente abbiamo migliorato l’esportazione dei dati per gli ordini del Marketplace e per gli articoli presenti negli ordini del Marketplace, consentendo agli utenti di isolare un intervallo temporale per le loro esportazioni e facilitando l’accesso ai dati desiderati in formato CSV. Per approfondimenti, segui le istruzioni riportate nel post disponibile qui

 

Come cambiano gli stati degli ordini quando si passa alla soluzione di pagamento basata su PayPal? 

Quando un acquirente effettua un pagamento, gli ordini passano direttamente allo stato Pagamento ricevuto. A seconda delle impostazioni che hai scelto per le notifiche, riceverai una notifica nella casella di Discogs, nell’email o in entrambe. Non sarà più possibile modificare lo stato dell’ordine prima del pagamento usando la pagina dell’ordine.

Può capitare che un pagamento venga inviato, ma non venga liquidato subito. In questo caso, PayPal contrassegna il pagamento come "in sospeso". In genere, si tratta del risultato di un assegno elettronico. Anche la pagina dell'ordine di Discogs rifletterà questo pagamento in sospeso aggiornando lo stato dell'ordine a Pagamento in sospeso. Quando il pagamento viene cancellato, Discogs aggiorna automaticamente l'ordine a "Pagamento ricevuto". Si consiglia di confermare i pagamenti in sospeso prima che il venditore spedisca l'ordine.

 

Cosa deve fare un venditore se un ordine presenta lo stato “Fattura inviata”?

Tutti gli ordini che adottano la nuova soluzione basata su PayPal dovrebbero presentare come stato “Pagamento ricevuto”, dato che l’acquirente paga già in fase di acquisto. Se la pagina dell’ordine non si aggiorna automaticamente con lo stato “Pagamento ricevuto”, significa che l’acquirente non ha completato correttamente la procedura di acquisto e che il pagamento non è stato inviato. 

L’acquirente può ancora inviare il pagamento usando la pagina dell’ordine, tramite il pulsante verde “Vai al pagamento ora” (visibile solo all’acquirente). L’acquirente può arrivare alla pagina di pagamento anche aggiungendo /payment alla fine dell’URL della pagina dell'ordine. Se queste soluzioni non funzionano, il venditore deve annullare l’ordine su richiesta dall’acquirente e chiedere all’acquirente di ripetere l’ordine.. 

È vietato accettare pagamenti fuori da Discogs. Tale pratica è considerata un’elusione della commissione da parte del venditore, poiché Discogs non riscuote la commissione di vendita né le necessarie imposte associate all’ordine. Se hai dei dubbi, chiedi assistenza al supporto della Community.

 

Posso unire degli ordini dopo che sono stati pagati? 

No. Come accadeva in precedenza, anche con la nuova soluzione di pagamento basata su PayPal si possono unire solo gli ordini non pagati. Per maggiori informazioni, consulta la guida specifica: Come posso unire più ordini? 

 

Commissioni

La nuova soluzione di pagamento basata su PayPal che effetto ha sulle commissioni di Discogs?

Discogs applica una commissione dell’8% sugli articoli venduti, in base al prezzo finale di vendita. Le commissioni saranno riportate nella valuta utilizzata dal venditore per il suo annuncio. 

Per ogni valuta saranno stabilite le commissioni massime e quelle minime. Cerchiamo di tenere questi importi il più possibile vicini ai valori in USD (minimo 0,10 $, massimo 150 $). Le nuove commissioni minime e massime sono le seguenti:

Nome

Abbreviazione

Commissione minima

Commissione massima

Dollari australiani

AUD

0,15 AUD $

200,00 AUD $

Real brasiliani

BRL

0,50 R$

800,00 R$

Dollari canadesi

CAD

0,15 CAD $

200,00 CAD $

Corone danesi

DKK

0,65 kr.

1000,00 kr.

Franchi svizzeri

CHF

0,10 CHF

150,00 CHF

Euro

EUR

0,10 €

150,00 €

Sterline britanniche

GBP

0,10 £

150,00 £

Yen giapponesi

JPY

10 ¥

15000,00 ¥

Pesos messicani

MXN

2,00 MXN $

3000,00 MXN $

Dollari neozelandesi

NZD

0,15 NZD $

200,00 NZD $

Corone svedesi

SEK

1,00 Kr

1200,00 Kr

Dollari statunitensi

USD

0,10 $

150,00 $

 

Cos’è la “commissione partner” che mi trovo addebitata sulla ricevuta di PayPal?

“Commissione partner” (in inglese “Partner Fee”, o “Partner Commission” in PayPal Business) è il termine usato per riferirsi alle commissioni totali associate all’ordine. Include l’8% di commissione previsto per le vendite su Discogs e tutte le tasse applicabili all’ordine (es. IVA, imposta giapponese sui consumi ecc.). Compare come una voce a sé nell’estratto conto di PayPal e descrive i costi totali da noi trattenuti sull’importo pagato dall’acquirente.

Rimborsi

Come si emette un rimborso?
Il rimborso nei confronti di un acquirente si può emettere dalla pagina dell’ordine su Discogs oppure direttamente da PayPal. In entrambi i casi la pagina dell’ordine si aggiornerà automaticamente. 

Il rimborso va emesso prima di cancellare l’ordine. Per emetterlo vai alla pagina dell’ordine su Discogs e usa il pulsante Altri. Quando si effettua un rimborso su Discogs, tutte le commissioni e le imposte vengono restituite e non c’è bisogno che l’acquirente confermi il rimborso per renderlo attivo.

N.B.: i venditori devono già avere sul loro conto PayPal denaro a sufficienza per il rimborso. In passato PayPal avrebbe prelevato l’importo necessario dalla fonte finanziaria del venditore (es. una carta di credito o un conto corrente). Ora, i venditori avranno bisogno di fondi sufficienti nel loro saldo PayPal per coprire un rimborso. Questi fondi devono coprire l'importo totale dell'ordine e le eventuali commissioni PayPal associate.

 

Cosa succede quando si emette un rimborso?

Quando si emette un rimborso, questo viene versato usando il metodo di pagamento che l’acquirente ha scelto in origine per la transazione. Il rimborso include le commissioni e le imposte eventualmente riscosse al momento del pagamento, ma non la commissione applicata alla transazione da PayPal. 

Agli acquirenti che hanno usato una carta di credito o debito, segnaliamo che nell’estratto conto il rimborso comparirà come emesso da PayPal, perché è PayPal ad avere in carico la transazione. 

 

Perché l’importo del mio rimborso è diverso dal valore originario della transazione?

Se hai pagato un articolo che veniva venduto in una valuta diversa dalla tua, il tuo pagamento potrebbe essere stato convertito nella valuta del venditore (se supportata da Discogs). Al momento del rimborso, il pagamento sarà riconvertito nella valuta in cui hai effettuato il pagamento. Se i tassi di cambio sono diversi da quelli della data della transazione originaria, ci può essere una discrepanza tra l’importo del pagamento e quello del rimborso. 

 

Quando emetto un rimborso, devo calcolare anche le imposte riscosse nella transazione originaria e le devo versare a parte rispetto all’importo lordo dovuto all’acquirente? 

Quando emetti un rimborso parziale su un ordine in cui Discogs ha riscosso l’imposta sulle vendite, devi inserire l’importo totale che desideri restituire all’acquirente. Nell’esempio sottostante, il venditore rimborsa un importo parziale di 4,00 € su un ordine totale di 9,60 €. 

4,00 € è l'importo totale che l’acquirente riceverà come rimborso, ma dal conto PayPal del venditore saranno prelevati solo 3,45 €. I restanti 0,55 €, calcolati in modo automatico, saranno versati all’acquirente da PayPal come restituzione della “commissione partner” (ossia la commissione di Discogs e l’eventuale imposta sulle vendite riscosse nella transazione originaria). 

N.B.: sul conto PayPal i venditori devono avere denaro a sufficienza per il rimborso. In passato PayPal avrebbe prelevato l’importo necessario dalla fonte finanziaria del venditore. Ora, invece, i venditori devono avere un saldo sufficiente a coprire il rimborso. 

 

Impostazioni venditore

Sono un venditore: cosa succede alla mia pagina di fatturazione?
Anche se non riceverai più una fattura mensile per le commissioni, la tua pagina di fatturazione e la cronologia delle fatture relative alle commissioni per ora saranno mantenute. 

Se devi consultare le commissioni recenti, ti consigliamo di esportare gli ordini e selezionare il periodo desiderato.

 

Che tipo di protezione viene offerta da PayPal ai venditori? 

Il programma Seller Protection di PayPal “ti salvaguarda dalle perdite di denaro dovute a reclami e rimborsi”, soprattutto per contese relative a qualche “transazione non autorizzata” e “articolo non ricevuto”. 

Per prendere parte al programma potrebbero essere richieste informazioni quali prove di spedizione o tracciamento postale. Per maggiori informazioni sulla Seller Protection di PayPal, leggi qui

 

Con questo cambiamento si risolverà la discrepanza tra gli indirizzi di PayPal e Discogs riscontrata in passato da alcuni acquirenti e da alcuni venditori? 

Nella maggior parte dei casi sì. L’indirizzo Discogs dell’acquirente viene trasmesso a PayPal ed è l’indirizzo associato alla transazione. Usando l’indirizzo Discogs degli acquirenti il venditore è idoneo alla Seller Protection, anche se tale indirizzo è diverso da quello indicato nelle impostazioni PayPal degli acquirenti. 

Durante la fase di pagamento, l'acquirente ha la possibilità di selezionare un indirizzo diverso da quello indicato su Discogs. Questo indirizzo viene salvato in PayPal e verrà mostrato sulla ricevuta della transazione PayPal. Indipendentemente dalla differenza di indirizzo, la protezione PayPal viene comunque applicata.

                                                                                                                                               

Hai ancora domande? Invia una richiesta.

Questo articolo ti è stato utile?